Cosa è successo a Darth Maul dopo la minaccia fantasma?

Non importa dove ti trovi sul Guerre stellari prequel, siamo tutti d'accordo sul fatto che Darth Maul sia fantastico. Con il suo stile di combattimento aggressivo e acrobatico, la spada laser a doppia lama e l'inchiostro facciale, il Signore dei Sith ha rubato gran parte dello spettacolo in Star Wars: La minaccia fantasma . La sua storia è stata troncata senza pietà (*ehm) dal Cavaliere Jedi nell'addestramento di Obi-Wan Kenobi. Ma sapevi che il figlio più famoso di Dathomir è sopravvissuto in Guerre stellari canon, prima della sua sconfitta finale nelle sabbie di Tatooine?


Non ho tempo per riordinare tutti i romanzi, i fumetti e gli episodi di Le guerre dei cloni e Ribelli di Star Wars ? Non preoccuparti, stiamo esplorando cosa è successo all'apprendista Sith dopo la sua vivisezione per mano di Obi-Wan Kenobi.

RELAZIONATO: Star Wars: The Old Republic Legacy of The Sith Expansion annunciata per il decimo anniversario

Prima di approfondire come Darth Maul è sopravvissuto a essere tagliato a metà e cosa ne è stato di lui in seguito, prima dovremmo raccontarti un po' della sua vita prima di incontrarlo per la prima volta La minaccia del Fantasma . Guerre stellari canon ha riempito gran parte della sua storia di origine. Prima dell'acquisizione della Lucasfilm da parte della Disney, i sei film cinematografici e gli eventi del Guerre Stellari la battaglia dei cloni le serie animate erano considerate canoniche. Dopo la vendita, tutto il resto del materiale di Star Wars è diventato ufficialmente Legends e i film, i fumetti, i romanzi e così via che sono seguiti sono tutti canoni ufficiali.

Nel nuovo canone, apprendiamo che Darth Maul viene dal pianeta Dathomir , È uno Zabrak, una razza carnivora con teste cornute e due cuori che si trova principalmente sul pianeta Iridonia. Gli Zabrak maschi che vivono su Dathomir vivono come Fratelli della Notte sotto il dominio matriarcale delle Sorelle della Notte, una congrega di streghe sensibili alla Forza i cui poteri oscuri provengono dall'energia magica che si trova nel profondo del loro pianeta natale.

Verso la fine della Repubblica Galattica, la leader del clan Madre Talzin ha lavorato a fianco del futuro sovrano della galassia, Sheev Palpatine, alias Darth Sidious . Sidious ha promesso a lungo di farla sua apprendista e di installarla al suo fianco nella sua eventuale acquisizione. Ma in verità Signore dei Sith moda, alla fine l'ha tradita e ha rapito uno dei suoi figli per allenarsi come suo apprendista. Quel bambino è diventato Darth Maul. A un certo punto Sidious portò Maul sul pianeta Malachor, un antico pianeta natale dei Sith con un tempio sotterraneo e una super arma alimentata da un gigante Cristallo Kyber , lo stesso tipo di cristallo che alimenta la spada laser di un Jedi e alimenta la Morte Nera.


Malachor fu il luogo di un'enorme resa dei conti tra Jedi e Sith. Maul respirò le ceneri dei guerrieri Sith caduti, che gli diedero visioni alimentate dalla Forza che gli permettevano di sentire la morte di ognuno di loro mentre cadevano a causa delle lame Jedi. Ciò alimentò la rabbia e l'odio di Maul per i Jedi, rendendolo schiavo della ricerca di vendetta del suo padrone. Prima del blocco di Naboo, l'impazienza in stile Sith di Maul lo fece disobbedire agli ordini del suo padrone di rimanere nascosto, rischiando l'esposizione nelle sue stesse missioni di caccia Jedi, che a un certo punto coinvolgevano i cacciatori di taglie Cad Bane e Aurra Sing.



Sappiamo tutti cosa è successo una volta che Maul si è rivelato ai Jedi, prima su Tatooine e poi su Naboo, dove ha ucciso il maestro di Obi-Wan ed è stato tagliato a metà, apparentemente cadendo verso la morte. Quello che non abbiamo visto è che Maul ha usato l'addestramento del suo maestro, i poteri del Lato Oscuro, la sua rabbia e il suo odio (e forse anche un po' della magia di Madre Talzin, se ci chiedi), per mantenersi in vita. Ha afferrato una presa d'aria mentre cadeva, tirandosi in un contenitore della spazzatura. Come tanti rifiuti, è stato scaricato nel mondo discarica di Lotho Minor, sopravvivendo nel profondo della discarica infernale, con gambe meccaniche simili a ragni. La follia ha preso piede negli anni. Mentre infuriavano le Guerre dei Cloni, Maul dimenticò quasi tutto della sua vita precedente, tranne che per la sua particolare attenzione alla vendetta contro i Jedi che lo tagliarono a metà.


Darth Maul fu creduto morto sia dal Jedi che dal suo ex maestro. Mentre i Jedi si preoccupavano della questione se Maul fosse o meno il maestro o l'apprendista, Sidious assunse un nuovo apprendista: il Conte Cavaliere Jedi caduto Dooku. Come Darth Tyranus, Dooku è stato determinante nella creazione dell'Esercito dei Cloni ed è diventato il leader dei Separatisti. Palpatine e Dooku si sono posti come nemici, come leader rivali nelle Guerre dei Cloni, il tutto mentre segretamente tramavano e tramavano insieme come Sith.

La Regola del Due dei Sith, ovviamente, vede ogni maestro tenere costantemente d'occhio un nuovo apprendista anche se ogni apprendista trama per usurpare il maestro. La Regola del Due spiega perché Darth Vader era ansioso di addestrare Luke come suo apprendista e di rovesciare l'Imperatore e 'governare la galassia come padre e figlio', mentre Palpatine sembrava perfettamente a suo agio con Luke che uccideva Vader o viceversa. Se Luke avesse vinto, Sidious avrebbe avuto un nuovo apprendista più giovane e meno robotico. Se Vader ha prevalso, Palpatine non ha perso nulla.


Durante Guerre dei Cloni , il conte Dooku ha cercato di preparare un potenziale apprendista per il suo eventuale assassinio del suo stesso maestro. Asajj Ventress, figlia di Madre Talzin, cresciuta altrove come schiava e per un certo periodo istruita da un Cavaliere Jedi, era caduta nel Lato Oscuro quando fu scoperta da Darth Tyranus.

Durante Guerre dei Cloni , Ventress gareggiò per il favore del Conte con il Generale Grievous, guidando una fazione dell'esercito di droidi Separatisti e spesso combattendo contro i Generali Jedi Obi-Wan Kenobi e Anakin Skywalker. Sidious divenne diffidente nei confronti del suo crescente potere e sempre sospettoso della probabile intenzione di Dooku di farla diventare la sua apprendista, e ordinò a Dooku di eliminarla. Come comandato dal suo padrone, Dooku ha tradito Ventress. Scappò e fu accolta a Dathomir da Madre Talzin.

Talzin usò la sua magia per potenziare il fratello di Darth Maul, Savage Opress, offrendo il guerriero Nightbrother come cavallo di Troia al Conte Dooku. L'idea era che Dooku avrebbe sostituito Ventress con Savage, solo per Savage per accendere il Conte al servizio delle Sorelle della Notte. Invece, Savage Opress si è rivoltato contro Dooku e Ventress. Tornato su Dathomir, Savage apprese della sopravvivenza di suo fratello e del successivo abbandono in un mondo discarica nell'Orlo Esterno. Madre Talzin ha mandato Savage alla ricerca di Maul. I due tornarono insieme a Dathomir, dove Talzin usò la sua magia per ripristinare la mente di Maul e per dargli un paio di gambe potenziate dalla magia.

I due fratelli partono alla ricerca di Obi-Wan Kenobi. Sono riusciti a catturarlo, ma Asajj Ventress è venuto in suo soccorso, con i due ex rivali che si sono uniti per combattere i Nightbrothers. Più tardi, Maul sconfisse suo fratello in combattimento, dichiarandosi padrone di suo fratello, stabilendo una dinamica Sith tra loro. Sul pianeta Florrum, Maul convinse con forza un gruppo di pirati a giurargli fedeltà. Obi-Wan e il cavaliere Jedi Adi Gallia hanno rintracciato i Nightbrothers lì, forzando un terzo confronto che Maul non era ancora pronto ad avere.


Savage riuscì a uccidere Gallia, ma lui e suo fratello furono entrambi sconfitti da Kenobi, che prese una delle braccia di Savage in battaglia. I loro nuovi alleati pirati si rivoltarono contro i fratelli, distruggendo una delle nuove gambe di Maul e cacciandoli dal pianeta.

Considerando la minaccia di Maul più o meno neutralizzata, Palpatine ordinò a Kenobi di riportare la sua attenzione sul Guerre dei Cloni , rimproverandolo per aver lasciato che una questione 'personale' interferisse con i suoi doveri più grandi. Purtroppo, Yoda si è schierato con il Cancelliere. Nel corso di alcuni dei migliori episodi del già grandioso Guerre dei Cloni serie, Maul e suo fratello si dichiararono i veri Signori dei Sith e si unirono a Death Watch, un gruppo scissionista radicale mandaloriano che condivideva il loro odio sia per i Jedi che per il Conte Dooku, che un geloso Maul vedeva come un finto Sith e una frode. Death Watch fornì a Maul nuove gambe e suo fratello un braccio meccanico.

Con Death Watch come suoi alleati, Maul iniziò a mettere insieme quello che divenne noto come Shadow Collective, raccogliendo potere portando diversi sindacati criminali sotto il suo comando: Black Sun, che fece di Mustafar una delle loro basi operative; il Sindacato Pyke, noto anche come Famiglia Pyke; e gli Hutt su Tatooine. Il Collettivo Ombra di Maul ha intrapreso una serie di attacchi terroristici su Mandalore progettati per interrompere il governo della Duchessa Satine, che ha avuto un duplice scopo. Death Watch ha cercato di ottenere il potere sul loro mondo natale rovesciando la Duchessa. La duchessa era una cara amica, alleata e interesse romantico di Obi-Wan Kenobi, che ha funzionato abbastanza bene per il grande piano di Maul per far soffrire Kenobi.

Death Watch prende il controllo di Mandalore e, come aveva predetto Maul, tradì i Nightbrothers, gettandoli in prigione. Fuggirono, con Maul che caricava nella sala del trono mandaloriano dove sfidò il leader della Death Watch a duello per la leadership del gruppo, secondo le loro usanze. Maul prevalse, prendendo l'arma cerimoniale del gruppo, una spada laser Jedi rimodellata chiamata Darksaber, tradizionalmente impugnata dal vero leader del pianeta. Questo divise a metà il Death Watch con una fazione in fuga mentre l'altra giurava fedeltà a Maul.

Maul insediò un politico corrotto come monarca fantoccio e intraprese un'altra battaglia con Kenobi, che arrivò sul pianeta nella speranza di salvare la duchessa. Come aveva provato Dooku prima delle Guerre dei Cloni, Maul tentò di attirare Kenobi verso il lato oscuro. A sua volta, Kenobi fece appello all'innocenza perduta di Maul, spiegando che aveva visitato il suo villaggio su Dathomir e che le Sorelle della Notte e i Sith lo avevano reso una pedina. Maul ha chiarito che incolpa Kenobi per tutta la sua rabbia e sofferenza, uccidendo la Duchessa Satine proprio di fronte a lui e gettando il Cavaliere Jedi in prigione.

Tutta l'attività su Mandalore ha attirato l'attenzione di Darth Sidious, che si è recato sul pianeta da solo per affrontare il suo ex apprendista. Quando scoppiò la guerra civile tra le fazioni rivali dei Guardiani della Morte, una delle quali guidata dalla sorella di Satine, Sidious entrò nella sala del trono. Maul si inginocchiò davanti al suo vecchio maestro, dicendo che aveva usato il suo addestramento per sopravvivere alle ferite di tutti quegli anni prima su Naboo, e affermando di aver creato il Collettivo Ombra al suo servizio e nella speranza di tornare dalla sua parte.

Sidious considerò le sue parole, poi disse, guardando Savage Opress mentre rispondeva: 'Che sfortuna che tu stia tentando di ingannarmi'. Seguì una delle battaglie più belle del canone di Star Wars, quando Sidious, armato di spada laser a due pugni, batteva facilmente i suoi avversari, neutralizzando Maul e poi uccidendo Savage Opress di fronte a lui. In un altro dei tanti momenti 'eco' di Star Wars, questo ricordava l'omicidio di Qui-Gon Jinn da parte di Maul di fronte a un indifeso Obi-Wan Kenobi su Naboo.

Maul ha combattuto Darth Sidious sia con una spada laser che con la Darksaber, ma semplicemente non è riuscito a battere il suo vecchio maestro. Mentre la guerra civile continuava a infuriare su Mandalore, Sidious ricordò a Maul: 'Ricorda la prima e unica realtà dei Sith: ce ne possono essere solo due e tu non sei più il mio apprendista. Sei stato sostituito!'

Maul ha chiesto pietà al suo ex padrone. 'Non ci può essere pietà', disse il futuro imperatore, ridacchiando mentre torturava Maul con la forza del fulmine. Sidious ha rivelato i suoi piani per mantenere in vita Maul, promettendo misteriosamente di avere 'altri usi' per lui.

La parte successiva della storia di Maul si è svolta nella serie a fumetti Darth Maul - Son of Dathomir. Imprigionato su un pianeta remoto controllato dai Separatisti, Maul fu interrogato dal Conte Dooku, che Sidious aveva comandato di ottenere informazioni sulle forze rimanenti del Collettivo Ombra. La fazione di Death Watch ancora fedele a Maul venne in soccorso del loro capo. Maul ha recuperato la spada oscura.

Sempre i cospiratori conniventi, Palpatine e Dooku avevano permesso a Maul di fuggire, sperando che li avrebbe condotti da Madre Talzin, in modo che potessero eliminarla come rivale una volta per tutte. Il generale Grievous e il suo esercito attaccarono e sconfissero Maul e Death Watch, che furono costretti a ritirarsi. Ancora una volta, questo faceva parte del piano generale, che ha funzionato. Come previsto, Maul usò la Forza per contattare Madre Talzin per chiedere aiuto.

Talzin ha pianificato una trappola tutta sua. Ha inviato un gruppo di Nightbrothers per unirsi a Maul, Death Watch, Black Sun e Pykes, che hanno attirato in battaglia il Conte Dooku, il Generale Grievous e le forze Separatiste. Nonostante le pesanti perdite, il piano riuscì. Il Collettivo Ombra ha catturato entrambi i leader separatisti. Maul ha contattato Sidious per contrattare, ma non è stato disturbato. In vero stile Sith, Sidious ha detto a Maul di ucciderli entrambi.

E per mantenerlo reale con le vie dei Sith, Maul cercò di convincere Dooku ad allearsi con lui, con l'assistenza di Talzin, che apparve in forma spettrale e raccontò la storia di come Darth Sidious l'aveva tradita, sottolineando giustamente che Dooku era appena stato tradito e aveva i suoi piani per cercare di usurpare Palpatine comunque. Dooku non era convinto che potessero sopraffare Sidious, anche insieme.

Guidate da Mace Windu e Obi-Wan Kenobi, le forze della Repubblica attaccarono. Grievous, Dooku, Maul e Shadow Collective fuggirono tutti nel caos che ne seguì. Dooku aveva finto fedeltà a Maul durante la battaglia, ma Maul sapeva che stava mentendo e lo stava facendo solo per volere del suo vero maestro, Palpatine. Su Dathomir, Madre Talzin ha usato la sua magia per possedere il corpo di Dooku. Grievous e Sidious arrivarono, con Maul che si scontrava con il generale cyborg mentre Dooku posseduto dai Talzin combatteva contro Sidious.

Sidious ha sopraffatto Talzin, costringendola a rilasciare Dooku e a manifestarsi nella sua forma fisica. Mentre le forze separatiste attaccavano Dathomir, il generale Grievous uccise Madre Talzin. Aiutato da Death Watch, Maul fuggì, tornando a Mandalore.

Nel romanzo del 2017 Ahsoka, è stato rivelato che Maul e le sue forze rimanenti sono stati sconfitti dalle truppe clone guidate dal Capitano Rex e dall'ex Jedi Padawan Ahsoka Tano. Maul fu catturato ma riuscì a fuggire quando le truppe clone si avventarono su Ahsoka, obbedendo all'Ordine 66 dell'Imperatore. Rex aveva rimosso il chip inibitore installato nell'esercito dei cloni che aveva portato la maggior parte di loro a tradire i propri generali Jedi. Rex e Tano hanno simulato la loro morte e si sono nascosti, ignari che Anakin fosse ora un Sith.

Con il Guerre dei Cloni finita, Kenobi fu creduto morto. Maul viaggiò nell'antico mondo natale dei Sith che il suo ex maestro gli aveva mostrato tutti quegli anni fa, Malachor, sperando di far reagire l'enorme arma lì, con la sua sete di vendetta ora concentrata su Darth Sidious, così come il nuovo apprendista Sith, Darth Vader.

La nave di Maul fu distrutta su Malachor, arenandolo tra le rovine dell'antico tempio Sith per molti anni. Mentre l'Impero consolidava il suo potere, i Sith organizzarono una squadra di assassini sensibili alla Forza chiamati Inquisitori, incaricati di dare la caccia a qualsiasi Jedi sopravvissuto all'Ordine 66. All'Inquisitore chiamato Ottavo Fratello fu ordinato di rintracciare ed eliminare Maul, a lui noto solo come 'l'Ombra'.

Era su Malachor, tra gli eventi di Episodio III e Episodio IV , dove Maul entrò in contatto con il sopravvissuto Jedi Kanan Jarrus e il suo giovane apprendista Ezra Bridger in Ribelli di Star Wars . Si è anche riunito con Ahsoka, ora leader nella fiorente ribellione contro l'Impero. Mentre Maul manipolava Ezra, che vedeva come un potenziale nuovo apprendista per se stesso, i quattro si unirono per respingere gli attacchi dell'Ottavo Fratello e di altri due Inquisitori. Gli Inquisitori furono sconfitti. Maul ovviamente si è rivolto ai ribelli, accecando Kanan nel processo. Il piano di Maul era di convincere Ezra ad attivare l'enorme arma Sith con l'aiuto di un holocron Sith.

Tutta l'attività del lato oscuro su Malachor ha attirato l'attenzione dello stesso Darth Vader, che è arrivato sul pianeta e ha combattuto il suo vecchio Jedi Padawan, Ahsoka Tano. Nonostante fosse accecato, Kanan riuscì a battere Maul, che fuggì da Malachor sconfitto. Più tardi, Maul prese in ostaggio l'equipaggio dello Spettro, chiedendo l'holocron Sith e l'holocron Jedi di Kanan in cambio delle vite dei loro amici. I Jedi si arresero. Maul ovviamente li tradì tutti comunque, spingendo Kanan nello spazio (all'insaputa di Ezra) e ordinando silenziosamente a un droide di eliminare il restante equipaggio dello Spettro.

La combinazione degli holorcon Jedi e Sith ha promesso di rispondere alle domande sia per Maul che per Bridger. Ezra voleva sapere come sconfiggere Sidious e Vader. Maul voleva sapere se forse Obi Wan era sopravvissuto alle Guerre dei Cloni e, in tal caso, dove trovarlo.

Kanan sopravvisse e salvò il resto dell'equipaggio, interrompendo il suo apprendista e Maul mentre i due combinavano gli holocron. Ezra seguì le istruzioni di Kanan di fermarsi, ma non prima che gli holocron fornissero la visione di un pianeta con due soli gemelli. Maul fuggì, in seguito usando il collegamento psichico creato dal rituale holocron tra lui ed Ezra per rintracciare i ribelli. Ezra, tentato dal lato oscuro come mai prima d'ora, permise a Maul di convincerlo a recarsi su Dathomir per trovare le risposte che cercavano.

Un rituale magico su Dathomir rivelò a Maul dove si trovava Obi-Wan mentre rivelava a Ezra che Obi-Wan possedeva la chiave per distruggere i Sith una volta per tutte. Maul chiese a Ezra di diventare suo apprendista. 'I nostri futuri convergono su un pianeta con due soli. Possiamo percorrere quella strada insieme come amici, come fratelli», promise Maul. Esdra rifiutò. Maul partì da solo per Tatooine. Perso nel deserto, Maul usò un frammento dell'holocron Sith per attirare Ezra su Tatooine, immaginando che avrebbe attirato Kenobi. Contro i desideri di Kanan, Ezra si recò su Tatooine per avvertire Kenobi e nella speranza che l'ex generale delle Guerre dei Cloni potesse unirsi alla Ribellione. Ezra è stato teso un'imboscata da Tusken Raiders e ha perso i sensi. Maul inviò tutti i Tusken Raiders, lasciando Ezra a terra come esca per Kenobi. Obi-Wan trovò Ezra, lo aiutò con le sue ferite e ipotizzò saggiamente ciò che Maul aveva pianificato. Maul è arrivato. Kenobi ha mandato via Ezra. La sua missione di vegliare su Luke non era finita. Maul sentiva che Kenobi era su Tatooine per proteggere qualcosa, o più specificamente, qualcuno. Dopo tutte le loro lunghe battaglie in passato, questo duello si è rivelato elegantemente semplice.

Maul ha provato la stessa mossa su Kenobi che aveva usato per uccidere Qui-Gon su Naboo. Obi Wan contrattaccò rapidamente, disabilitando la spada laser di Maul e infliggendo un colpo mortale in un colpo solo. Quando Maul morì tra le braccia del suo vecchio nemico, le sue ultime parole furono queste. 'Dimmi... è il Prescelto?' Kenobi dice: 'Lo è'. Sembrando trovare almeno la pace, con il riconoscimento che Kenobi custodisce colui destinato a portare equilibrio nella Forza e distruggere i Sith, Maul dice: 'Ci vendicherà'. Kenobi chiuse gli occhi del suo vecchio nemico.