The Accountant Review: i numeri di Ben Affleck non tornano

Il turno di Ben Affleck come CPA armato di pistola è dolorosamente noioso in alcune parti. il ragioniere ha una trama labirintica con rivelazioni piuttosto ovvie. I cattivi vengono fatti a pezzi come coriandoli, ma ci vuole un sacco di tempo prima che l'azione entri in gioco. Anna Kendrick è relegata in panchina per gran parte di questo film. Ho la sensazione che stesse solo riscuotendo uno stipendio qui. Al contabile potrebbe essere piaciuta una grande idea sul libro mastro dello studio, ma i numeri semplicemente non tornano.


Affleck recita come Christian Wolff , un ragioniere con molti segreti. Il film salta avanti e indietro nel tempo per spiegare la sua educazione. Gravemente autistico da bambino, suo padre militare credeva che la forza e la difesa fossero l'unico modo per affrontare la sua condizione. Da adulto, le sue attività sono finite nel radar di un ufficiale del tesoro di carriera (J.K. Simmons). Arruola una giovane emergente (Cynthia Addai-Robinson) per trovare la vera identità del contabile. I mondi convergono violentemente quando il lavoro di consulente a basso rischio del contabile suscita un inaspettato vespaio. Mettere in pericolo un collega innocente ( Anna Kendrick ) e riportando alla luce un passato oscuro.

RELAZIONATO: The Accountant di Affleck batte Moana come il film più noleggiato del 2017

Sono sempre infastidito dai film con accumuli inutili. Il ragioniere ha alcuni colpi di scena. Uno di loro è totalmente evidente a pochi minuti dall'apertura. Quindi dobbiamo aspettare due ore di film per arrivare a un punto che il pubblico ha annusato dall'inizio. Ammortizza il peso del climax. Inoltre, alcuni personaggi svaniscono per lunghi periodi. Uno di loro è Anna Kendrick. Il suo ruolo di damigella in pericolo è minimo. Questa è una delusione. Kendrick doveva essere una parte più importante di questa storia.

Ben Affleck tira fuori il proiettili e picchiato, ma non ho capito bene l'angolo dell'autismo. Alcune scene erano credibili e divertenti, mentre altre erano una forzatura. La performance sembra sconnessa. L'autismo non può essere spento. Sì, questo è solo un film, ma avevano bisogno di rendere il personaggio più uniforme in questo senso. Il ragioniere fa uno sforzo solido per promuovere la comprensione dell'autismo nei bambini. Non sono sicuro che questo fosse il luogo migliore per quel messaggio, ma il regista Gavin O'Connor riceve un applauso a golf per averci provato.

Il ragioniere aveva come premessa una promessa. I realizzatori hanno appena sgranocchiato troppe storie da masticare. Avrebbero potuto tagliarne qualcuno personaggi , distribuisci l'azione in modo uniforme e accorcia il tempo di esecuzione per un'esperienza più concisa e divertente. Così com'è, i pezzi migliori non giustificano il prezzo dell'ammissione.