John Cusack ha un finale alternativo del 1408 e un'idea per il sequel

1408 la star John Cusack ha suggerito un'idea per un finale alternativo per l'adattamento del racconto di Stephen King che avrebbe potenzialmente creato un sequel. Parlando della sua nuova serie, Utopia , Cusack ha offerto la sua idea per un finale in qualche modo ancora più cupo per 1408 che avrebbe permesso al suo personaggio di tornare.


RELAZIONATO: I 17 migliori film sulla casa stregata

Rilasciato nel 2007, 1408 è basato sull'omonimo racconto di Stephen King, e le stelle John Cusack come Mike Enslin, un autore che indaga su case presumibilmente infestate e affitta la stanza titolare 1408 in un hotel di New York City. Sebbene scettico nei confronti del paranormale, viene presto intrappolato nella stanza dove vive eventi sempre più bizzarri. Considerando gli eventi di 1408 , non si può fare a meno di chiedersi perché Cusack abbia voluto che il suo povero e tormentato personaggio venisse messo di nuovo alla ribalta.

Diretto da Mikael Håfström e interpretato da Samuel L. Jackson, Mary McCormack e Tony Shalhoub al fianco di Cusack, il film ha già diversi finali alternativi che lasciano il personaggio di Cusack in luoghi molto diversi durante il finale del film. Il finale teatrale, e quindi il finale che molti hanno visto, è di gran lunga il più felice e conclude le cose con Mike che sopravvive è un calvario prima che il suo resoconto degli eventi venga confermato tramite una registrazione su nastro.

Il finale di Director's Cut vede Mike morire nel fuoco ma rivela di essere felice di vedere la stanza infestata distrutta. Il personaggio di Samuel L. Jackson, Gerald Olin, vede poi diverse apparizioni al funerale di Mike, incluso il cadavere bruciato di Mike seduto sul sedile posteriore della sua auto. Il film si conclude con lo spirito di Mike in piedi nel rovine sventrate della stanza 1408 prima di sentire sua figlia chiamarlo e sparire. Questa versione è infatti il ​​finale predefinito su diverse versioni internazionali di DVD, Blu ray e streaming. Il finale alternativo finale è simile e vede ancora Mike morire nel fuoco, terminando con il personaggio di Tony Shalhoub, Sam Farrell, che legge il manoscritto di Mike delle sue esperienze nella stanza prima che le porte del suo ufficio si chiudano improvvisamente. È interessante notare che nessuno dei finali alternativi corrisponde al materiale img di King.

La ragione di così tante versioni del finale è dovuta al fatto che il regista Mikael Håfström credeva che l'intenzione di King fosse quella di lasciare la conclusione ambigua, oltre a testare il pubblico che, secondo quanto riferito, ha trovato il finale originale troppo 'depressivo'. Non sono proprio convinto che ulteriori versioni abbiano aiutato molto con quella particolare critica.


Purtroppo, nessuno di questi finali fa quello che avrebbe voluto Cusack, con ognuno che ha permesso a Enslin di lasciare la stanza in un modo o nell'altro. Vorresti aver prenotato un ritorno in camera 1408 ? Questo ci viene per gentile concessione di Collider .