La linea di moda Crudelia snobba la stilista, la feroce gilda dei costumisti

Ci sono momenti nell'industria dell'intrattenimento in cui alcune pratiche vengono messe in discussione e sembra che ci siano problemi sulla licenza di a Crudelia la linea di moda ispirata ha preso a calci un vespaio quando si tratta di diritti dei costumisti di film e TV. Mentre alcuni costumi diventano così iconici da essere immediatamente riconoscibili, la compensazione finanziaria o le entrate fuori campo che possono essere generate dai designer dietro di loro sono solitamente inesistenti. Ora un certo numero di clienti e la Costume Designers Guild hanno pubblicamente fatto esplodere la pratica 'sleale' e non si preoccupano se mette a repentaglio la propria carriera.


Jenny Beavan , il designer premio Oscar dietro ad alcuni dei Crudelia gli abiti straordinariamente realizzati nel nuovo film Disney, è stato recentemente scoperto che non sapeva che un'intera gamma di abbigliamento basata sulle sue creazioni originali era stata progettata, concessa in licenza e rilasciata. La prima volta che ha sentito parlare della linea è stato quando un amico le ha inoltrato un post su Instagram del marchio Rag & Bone, che pubblicizzava il loro 'nuovo, con licenza ufficiale Crudelia collezione ispirata.' Sebbene il 70enne potesse ricordare alcune brevi discussioni sulla possibilità di lavorare con Disney su oggetti in co-branding, la fine della produzione del film e l'arrivo della pandemia di Covid19 hanno fatto sì che il designer non avesse più notizie della Disney.

RELAZIONATO: Le star di Crudelia vogliono che Glenn Close ritorni in un sequel in stile de Il Padrino Parte II

Parlando con Variety, ha detto: 'Ero solo un po' inorridita. La cosa su Crudelia è che hai? un film sulla moda , su due stilisti. L'intera storia è che hanno quasi una guerra usando la moda. Quindi, è così irrispettoso far emergere le linee di moda.'

Questa non è la prima volta che questi problemi sorgono di recente e sembra che per molti anni sia stato uno svantaggio tacito di lavorare nel settore. All'inizio del 2020, una gamma di abbigliamento di Her Universe ha tratto i suoi disegni quasi direttamente dai costumi di Erin Benach prodotti di Harley Quinn e delle sue compagne nel Uccelli da preda film. Ben 25 anni prima, gli iconici costumi indossati da Cher di Alicia Silverstone in all'oscuro sono stati utilizzati sulle gamme di bambole senza alcuna consultazione con Mona May, che ha definito l'aspetto del guardaroba del personaggio.

La portata del problema è stata sottolineata da Gilda dei costumisti la direttrice delle comunicazioni Anna Wyckoff che ha detto: 'Storicamente, questo è un grosso problema per i nostri membri e per tutti i costumisti. Perché, come tutti sanno, un costume ha una lunga vita dopo il progetto - nel merchandising, nei giocattoli e nei costumi di Halloween. Quindi ci sono molte opportunità per i costumi da usare in un modo di marketing ausiliario.'


Il presidente e designer di CDG Salvador Perez Jr ha aggiunto: 'Come costumisti, il nostro lavoro ha una vita oltre lo schermo. Il nostro lavoro è riprodotto per giocattoli, costumi, collezioni di moda e altro ancora. Non solo non siamo autorizzati a partecipare ai profitti ricavati dal merchandising, non siamo nemmeno accreditati per il nostro lavoro sui progetti originali.'



Ci sono state alcune eccezioni alla regola, ovviamente, come Eric Damon che lavora con il rivenditore Miss Selfridge sul loro Pettegola gamma basata sulle sue creazioni dello spettacolo e Janie Bryant che collabora con Banana Republic su una licenza Uomini pazzi raccolta, ma questa è molto lontana dall'essere una pratica standard nel settore. Perez Jr lo ha riassunto con un commento aggiuntivo. 'Produttori, registi, musicisti, attori e persino i primi [assistenti alla regia] ottengono una percentuale dei profitti dal loro lavoro', ha affermato. 'I costumisti che contribuiscono a generare entrate aggiuntive dalle produzioni meritano di essere compensate per le entrate aggiuntive guadagnate'.


Crudelia è attualmente in programmazione nei cinema di tutto il paese ed è disponibile anche su Disney+ Premier Access per un periodo di tempo limitato.