Anne Hathaway parla di essere la regina bianca in Alice nel Paese delle Meraviglie

Anne Hathaway è la Regina Bianca in Alice nel Paese delle Meraviglie


L'interpretazione di successo della fiaba di Tim Burton Alice nel paese delle meraviglie sta arrivando DVD , Raggio blu e Blu-ray a tre dischi 1 giugno 2010. Nella seconda di una serie di interviste in sette parti, abbiamo incontrato gli attori ei realizzatori del film per discutere della realizzazione di questa epopea da un miliardo di dollari. Oggi parliamo con Anne Hathaway , che nel film interpretava la Regina Bianca. Ecco la nostra conversazione con lei:

RELAZIONATO: Alice 2 o X-Men: Apocalypse vinceranno il botteghino del weekend?

Cosa ne pensi del look biondo platino e dell'abito bianco scintillante che hai nel film?

Anne Hathaway: Penso che l'aspetto del mio personaggio si adatti davvero al canone di Tim Burton, quando guardi molte delle sue eroine. Molti di loro hanno i capelli chiari, gli occhi in ombra e le labbra scure. Penso che questa sia la versione più estrema. Lei è la Regina Bianca, quindi ovviamente il colore dei suoi capelli ne è influenzato. Quello che mi ha colpito quando ho visto il film è stato che i capelli e il trucco corrispondevano effettivamente a ciò che stavo cercando di fare con il personaggio, ovvero interpretarla come una persona buona ma con un po' di oscurità in lei. Pensavo che uscisse dalle labbra e dalle unghie. Ero così felice che non mi riconoscevo.

Da dove viene la descrizione vegan/punk rocker della White Queen?


Anne Hathaway: In realtà veniva dalla sceneggiatura. Quando dice che è contro i suoi voti fare del male a qualsiasi creatura vivente, beh, io sono un geek - e ho avuto molto tempo a disposizione, ovviamente - quindi ho inventato un'intera storia passata su come forse le piaceva la carne, ma ha reso sua malata e come forse i suoi genitori videro sua sorella iniziare a mostrare tendenze violente e così le fecero giurare che non avrebbe mai fatto del male a un'altra creatura vivente. Quindi aveva represso la sua aggressività e non l'aveva esplorata. Quindi è qui che è arrivata la cosa punk rock e vegana.



Eri un fan dei libri?


Anne Hathaway: Ho adorato i libri. Non li ho letti fino al college. Sono rimasta davvero colpita dalle emozioni di Alice e dal modo in cui si è sentita sopraffatta dal mondo che la circondava. Inoltre ero così divertito dal mondo dei libri. Quando stavo facendo le mie ricerche per il film, ho letto molti saggi sui libri. Una delle cose che qualcuno ha sottolineato è che il Paese delle Meraviglie è un luogo di emozioni estreme. Le persone [nel Paese delle Meraviglie] hanno reazioni emotive alle cose, spesso reazioni di rabbia. Ricordo quando ho letto il libro che i miei ormoni stavano impazzendo e ho sentito una connessione con esso. Avevo in mente di leggere i libri da un po' di tempo perché quando ero in quinta elementare un insegnante ci aveva fatto memorizzare la poesia di Jabberwocky. Quindi, quando Johnny Depp lo recitava nel film, lo dicevo insieme a lui.

Com'è stato lavorare con Johnny Depp e Tim Burton?


Anne Hathaway: Oh, Johnny Depp, Tim Burton e Helena Bonham Carter sono tutti come questa fantastica rock band e mi sono sentito come se fossi stato invitato a fare da back-up al loro album. E poi dicevano... ecco un assolo... e dicevano, oh davvero!, grazie! Tim Burton ha una gioia per lui e un impegno per la sua estetica che rispetto così profondamente. Mi sono sentito così privilegiato ad essere in giro ed ero così ispirato da questo. Quando lavori con Tim Burton, tutti non solo si sforzano più che possono, ma portano anche il loro sé più creativo e ognuno fa quello che può per renderlo speciale come la sua visione. Quindi una delle maggiori differenze nel lavorare con Tim Burton è quanto ispira le persone. In questo film Tim Burton mi ha indicato la direzione in cui voleva che andassi e poi ha praticamente detto di fare quello che volevo fare con esso. Ero molto nervoso all'idea di lavorare con Tim Burton perché l'avevo ammirato dalla prima volta che avevo visto il succo di Beetle e non volevo deluderlo. Volevo inserirmi nel Paese delle Meraviglie, che era un mondo meraviglioso, pazzo e fantasioso. Inoltre ero molto nervoso all'idea di lavorare sullo schermo verde, cosa che non avevo mai fatto prima. Quindi ho elaborato tutti i dettagli prima di salire sul set e Tim Burton era totalmente aperto a tutto. Non è un regista che dice di no molto spesso. Gli piace giocare, gli piace esplorare. Anche se potrebbe non essere d'accordo con te o se non capisce dove vuoi andare, ti darà l'opportunità di provare. Ad esempio, il mio personaggio che ha lo stomaco debole è stato un felice incidente. Ha fatto un intero arco narrativo nel film su questo e ne ero così felice. Non lo conosco molto bene, ma è molto facile andare d'accordo con lui. È molto interessante, molto divertente e infrange le regole.

Sei passata dalla principessa [in The Princess Diaries] alla regina, ma non il solito tipo di regina. Sei attratto da ruoli che sovvertono le aspettative?

Anne Hathaway: Cerco di portare un approccio non convenzionale a tutti i miei ruoli. Non è necessariamente sfidare le aspettative, ma è più chiedere cosa mi aspetterei nel leggere questo e come posso alterare il ritmo di questo personaggio?

E la preparazione?


Anne Hathaway: Sono stato molto fortunato. Ho lavorato con registi meravigliosi che amano gli attori e sono creativi. A questo film ho lavorato solo due settimane e ho avuto sei settimane per preparare il personaggio. Questo è solo il rapporto che mi piace. Amo i lunghi periodi di preparazione e di prova.

Si dice che sei molto esigente con i tuoi ruoli?

Anne Hathaway: Non ci ho mai pensato in quel modo. Le mie scelte sono guidate dal carattere. Voglio interpretare personaggi che mi interessano in film diretti da registi che rispetto.

Pensi che dopo Rachel Getting Married e la tua nomination all'Oscar la gente ti abbia visto sotto una luce diversa?

Anne Hathaway: Persone che stimo molto sono venute da me e hanno detto che non pensavano che avessi questo in me. È una sensazione molto bella, ma non volevo dimostrare nulla con quel ruolo. Ma è successo senza che ci provassi ed è stato bello. Ho iniziato quando ero così giovane e il mio obiettivo è sempre stato la longevità della carriera e quindi ho sempre pianificato di prendermi il mio tempo con tutto ed esplorare le cose. Non sono sicuro che avrei potuto interpretare un personaggio come Kym [in Rachel Getting Married] prima di me. Ho avuto molto da crescere e ho ancora molto da crescere. Quindi spero solo di lavorare con persone che mi aiuteranno a crescere.

Quanto è importante per te mescolare le cose facendo film Indy e produzioni a grande budget?

Anne Hathaway: Mi è stato detto che è molto importante. Ma è solo che non mi piace ripetermi. Mi piace molto cambiarlo. Quindi ho esplorato tutte le opzioni, i generi e i tipi di film a mia disposizione.

Un bonus deve essere che questo film ha la stranezza che porta Tim Burton?

Anne Hathaway: Se Tim Burton mi avesse chiesto di fare Blade Runner - Il Musical L'avrei fatto. In realtà questa è un'ottima idea, vorrei vederla E esserci dentro! Ma in realtà il fatto che Tim Burton stesse facendo Alice lo ha reso ancora più eccitante per me. E che fosse un ritorno alla Disney è stato meraviglioso. Ma in realtà ero più motivato da Tim Burton e mi sono anche innamorato della Regina Bianca. Dal momento in cui l'ho vista nella sceneggiatura, mi ha brillato. Ne ero davvero attratto. Ho sempre avuto forti sentimenti su quale ruolo mi ha attratto. Ed è sempre stato il ruolo nella sceneggiatura che mi è stato chiesto di considerare. Sono stato molto fortunato perché non tutti gli attori hanno la possibilità di fare un provino per un ruolo diverso.

Tim dice che aveva in mente Nigella Lawson come modello per la Regina Bianca. Hai in mente cose del genere?

Anne Hathaway: A meno che tu non stia interpretando una persona nella vita reale, sarà ispirato da altre cose. Per la Regina Bianca c'erano molte immagini diverse. Stavo guardando i film muti con Greta Garbo e guardando il modo in cui si muove e io ho guardatoDebbie Harry per l'elemento glam e punk rock. E Tim Burton aveva menzionato Nigella Lawson e lei ha aiutato nella scena della cucina a causa della sua facilità in cucina e del modo in cui Nigella Lawson è molto sensuale con il cibo. Volevo che la Regina Bianca lo avesse.

Cucini?

Anne Hathaway: Sto provando. Sono nuovo ad esso. Una cosa su cinque è molto buona e tutto il resto è una bella fatica. Sto lavorando sulle basi in questo momento e sto cercando di trovare la mia ricetta per il peperoncino. L'altro giorno ho arrostito un pollo che devo dire era fantastico. Ma ho usato molto burro e non è difficile rendere buono il sapore del pollo quando ne usi molto. Non sono una cuoca molto fantasiosa, seguo le ricette, ma mi diverto molto. Quello e la cottura. Ero vegetariano, ma ovviamente non sono un vegetariano molto impegnato quando arrostisci il pollo. La mia ricetta preferita è Chicken Pot Pie del Waverley Inn. Quello è un ristorante nel West Village di New York dove fanno un Chicken Pot Pie che è il cibo più delizioso di sempre! Ho trovato la ricetta e l'ho fatta un paio di volte ed è davvero divertente. Mi piacciono i progetti di cucina che richiedono tempo quando passo tutta la domenica in cucina a preparare un pasto abbondante. Mi piace la domenica e invito le persone per il brunch e poi si trasforma in cena.

Non sei un cuoco avventuroso ma sei un mangiatore avventuroso?

Anne Hathaway: Ho mangiato grilli fritti. Andava bene. Erano molto grassi e densi. Erano croccanti ma non pensavo fossero carini. Ma ero felice di averlo fatto. L'unica cosa che non riesco assolutamente a mangiare - mi spegne - è la trippa! Non posso mangiare nessun tipo di intestino. Un amico è tornato dal Bhutan e mi hanno mostrato le foto di qualcosa che hanno mangiato ed erano le budella grigliate di qualche animale e non era attraente. Mi viene un po' la nausea a pensarci. Quindi non sono così avventuroso. The Travel Channel non mi darebbe mai un mio programma.

Com'è stata l'esperienza dello schermo verde in Alice nel paese delle meraviglie?

Anne Hathaway: C'era una stanza enorme che era solo verde. Se avessi dovuto lavorarci più a lungo, sarei andato fuori di testa, ma sono state solo due settimane. Tim Burton sapeva cosa stava facendo e la maggior parte del cast aveva già lavorato sul green screen, quindi ho solo guardato cosa stavano facendo tutti gli altri e ho finto di sapere cosa stava succedendo. Mi sono sentito così alla prima mondiale quando abbiamo incontrato il principe Carlo e la duchessa di Cornovaglia. Cosa fai? È signora come in marmellata?

Cosa ne pensi del Blu-ray?

Anne Hathaway: È ottimo. Onestamente non sono molto tecnico, quindi mio padre potrebbe rispondere meglio a questa domanda. I miei genitori hanno il Blu-ray e adoro guardare le cose a casa loro. Ogni volta che inseriamo qualcosa in mio padre si siede lì e per i primi cinque minuti del film fa...'Oh, Blu-ray! Accidenti, questo è fantastico!' E dirò che è un ottimo papà, ma non so cosa sta succedendo nella trama.

Alice nel Paese delle Meraviglie è disponibile su DVD , Raggio blu e Blu-ray a tre dischi 1 giugno 2010.