AMC Theaters lancia il servizio di video on demand

Teatri AMC sta entrando nel business dei video in streaming. La catena di teatri ha annunciato AMC Theatres On Demand, una nuova piattaforma di video on demand che affitterà e venderà film digitali. Al momento, il servizio non includerà alcun video in streaming gratuito, ma non richiederà nemmeno un abbonamento per utilizzarlo. La piattaforma è stata pubblicata questa settimana e consentirà all'azienda di entrare nello spazio del video digitale.


Disney , Warner Bros., Universal, Sony e Paramount, i cinque più grandi studi di Hollywood, hanno tutti concluso accordi sui contenuti con AMC per il nuovo servizio. Sia i titoli del catalogo che le nuove uscite saranno disponibili da tutti e cinque gli studi. I titoli a noleggio generalmente costano tra $ 3 e $ 6, con film disponibili per l'acquisto tra $ 10 e $ 20. Questo prezzo mette il modello di business in linea con altri servizi nello spazio, come VUDU o iTunes. Ron Sanders, presidente della distribuzione mondiale e dell'intrattenimento domestico per la Warner Bros., ha detto questo sul servizio.

RELAZIONATO: Recensione Summer of Soul: un documentario musicale mozzafiato

Al momento del lancio, AMC Theatres On Demand è disponibile su Smart TV LG , computer Windows e Mac, dispositivi Android e iOS e dispositivi Roku. Il servizio non è attualmente disponibile su console per videogiochi, come Xbox One o PlayStation 4, ma è probabile che il servizio verrà trasferito in futuro. I membri di AMC Stubs A-List possono anche guadagnare punti per noleggi o acquisti effettuati tramite il nuovo servizio. Adam Aron, presidente e amministratore delegato di AMC, ha detto questo in una dichiarazione.

AMC è il la più grande catena di teatri negli Stati Uniti , rendendo logico un passaggio come questo nello spazio digitale. Non solo perché praticamente ogni altra società che si occupa di film sta diversificando la propria attività in modo simile, ma perché è probabile che le catene cinematografiche affrontino un momento di verità 'adattarsi o morire' nei prossimi anni. Gli studi devono ancora offrire una finestra esclusiva tradizionale di 90 giorni per le principali uscite nei cinema, il che significa che quei titoli non possono essere resi disponibili per il noleggio o l'acquisto online fino a quando non sono stati proiettati esclusivamente nei cinema per almeno 90 giorni. Tuttavia, questo sta cambiando e non ci si aspetta che la stessa finestra duri per sempre.

Netflix, ad esempio, si sta spingendo sempre più nello spazio teatrale e poiché i suoi titoli finiscono in streaming così rapidamente, c'è una domanda di nuovi, grandi film nel mercato dell'home video nelle fasi precedenti. AMC è comprensibilmente riluttante ad accettare finestre teatrali più corte , in quanto potrebbe danneggiare l'attività dell'azienda a lungo termine. Ma una mossa come questa potrebbe offrire una sorta di polizza assicurativa. Per saperne di più su AMC Theatres On Demand, vai su AMCTheaters.com .