16 film di Robin Williams che hanno definito la sua carriera leggendaria

Il mondo è semplicemente, molto semplicemente, un posto non così divertente come lo era solo poche ore fa, prima del... morte tragica del leggendario comico e attore Robin Williams. Per quasi 40 anni, l'uomo ci ha tenuto sui punti come solo lui poteva, con una consegna impeccabile e un fascino inconfondibile che viene spesso imitato ma mai eguagliato.


Mentre il mondo piange questa leggenda della commedia, diamo uno sguardo alle nostre 16 esibizioni preferite di Robin Williams, alcune in classici amati in tutto il mondo e altre in gemme trascurate e/o sottovalutate che meritano di essere notate.

[1] Braccio di Ferro (1980)

Mentre alcuni attori spendono anni pagando le loro quote in ingrati guest star o ruoli secondari in film e TV, non ci è voluto molto a Robin Williams per trovare un punto d'appoggio a Hollywood. La sua apparizione come l'alieno Mork in un episodio di Giorni felici era così popolare da portare alla serie spin-off Mork & Mindy nel 1978. Solo due anni dopo, l'amato attore ha ottenuto il suo primo ruolo da protagonista in Popeye, al fianco di Shelley Duvall nei panni di Olive Oyl, diretto da Robert Altman. Il film ha incassato 49 milioni di dollari nel 1980, che non sembra molto di questi tempi, ma quell'anno si è classificato al 12° posto. Ha superato Shelley Duvall's Il brillante , e, se aggiustato per l'inflazione, il lordo è l'equivalente di un film da $ 150 milioni di oggi.

[2] Il mondo secondo Garp (1982)


Dopo il successo con la serie TV di successo Mork & Mindy, Robin Williams ha ottenuto ruoli da protagonista nella commedia del 1980 Popeye e nel suo vero film di successo, Il mondo secondo Garp del 1982. Diretto da Barry Levinson e adattato da un romanzo di John Irving, Il mondo secondo Garp ha dato ai fan una prima occhiata alle doti comiche e drammatiche che Robin Williams potrebbe mettere in mostra, e rimane uno dei preferiti dai suoi fan fino ad oggi.



[3] Il meglio dei tempi (1986)


Anche se la maggior parte potrebbe non pensare a Robin Williams come un tipo atletico, interpreta in modo convincente il ruolo di un ex giocatore di football oppresso in The Best of Times. Dopo essere ossessionato da una cattura mancata al liceo, Jack Dundee (Robin Williams) convince il suo vecchio quarterback Reno Hightower (Kurt Russell) a rifare il gioco tra la loro alma mater Taft e il rivale di città Bakersfield, che rivitalizza le vite di Jack e Reno in il processo. Questo film non è andato così bene, incassando solo 7,7 milioni di dollari durante la sua corsa al cinema nel 1986, ma vale la pena rivisitarlo.

[4] Buongiorno, Vietnam (1987)


Mentre Il mondo secondo Garp lo ha sicuramente messo sulla mappa come attore cinematografico, Good Morning, Vietnam ha mostrato il suo potenziale da star e il suo successo al botteghino. Basato sulla vera storia di Adrian Cronauer, DJ della radio delle forze armate, Robin Williams è diventato un nome familiare quasi subito dopo che Good Morning, in Vietnam, è uscito nei cinema. Il suo umorismo irriverente era assolutamente perfetto per la commedia drammatica del regista Barry Levinson, che ha trascorso nove settimane di fila al primo posto al botteghino, in rotta verso 123 milioni di dollari di incassi nazionali (quarto più alto nel 1987) e Robin Williams' prima nomination all'Oscar.

[5] La società dei poeti morti (1989)

Come le voci precedenti in questo elenco, non ho visto La società dei poeti morti fino a diversi anni dopo la sua uscita nelle sale. Avevo 12 anni quando La società dei poeti morti ha colpito i cinema, ma quando l'ho raggiunto, mi sono ritrovato in soggezione di fronte alla gamma di questo divertente come professore di inglese John Keating, che ha ispirato i suoi studenti, e la popolazione in generale, a cogliere l'attimo, catturando i nostri cuori nel processo . Robin Williams ha ottenuto la sua seconda nomination all'Oscar per il classico di Peter Weir, che ha contribuito a lanciare le carriere di Robert Sean Leonard, Ethan Hawke e Josh Charles.

[6] Il re pescatore (1991)


Dopo aver lavorato con il regista Terry Gilliam in Le avventure del barone di Munchausen del 1989, Robin Williams è tornato con il film più diretto del regista di sempre (sul serio), Il re pescatore. Questo brillante dramma, scritto da Richard LaGravenese, è incentrato su un DJ radiofonico (Jeff Bridges) la cui spirale discendente verso la depressione e le tendenze suicide lo fa incontrare con un senzatetto di nome Parry (Robin Williams), che è alla ricerca di 'Santo Graal.' Nonostante l'iniziale plauso della critica che ha ricevuto durante la sua uscita iniziale, The Fisher King sembra essere scivolato nell'oscurità negli anni che sono seguiti, ma questo è un vero gioiello che merita di essere scoperto e riscoperto.

[7] gancio (1991)

Se la memoria serve, gancio è stato il primo film di Robin Williams che ho visto in un cinema a soli 14 anni. Intendiamoci, non sono mai stato un grande appassionato di cinema fino a molto più tardi nella vita, ma ricordo di aver particolarmente apprezzato questa avventura che ha dato una nuova svolta a Peter Pan e Capitan Uncino. Robin Williams interpreta l'avvocato di successo Peter Banning, che sembra non avere mai tempo per i suoi figli, finché non vengono rapiti dalla sua vecchia nemesi dell'Isola che non c'è, Capitan Uncino (Dustin Hoffman). Penso che potrebbe essere il momento perfetto per rivisitare questo film di Steven Spielberg sul riconquistare la propria giovinezza.

[8] Aladino (1992)

Aladino ha segnato il primo lungometraggio di Robin Williams come voce fuori campo, in una svolta incantevole ed esilarante nei panni del Genio. Con la sua voce iconica e il suo carisma, ero sempre curioso di sapere quanti ruoli animati di doppiaggio gli fossero stati offerti dopo Aladino è il successo di un blockbuster, perché immagino che avrebbe potuto facilmente creare una carriera sedendosi in una cabina di registrazione per il resto della sua vita. Certo, sarebbe stato un peccato, soprattutto dopo il numero di brillanti esibizioni che ci ha dato dopo Aladino , ma non riesco a immaginare nessun altro che esprima il Genio a parte Robin Williams, ogni volta che vedo Aladino . Eppure, il solo fatto che non abbia preso tutti i film d'animazione che gli sono capitati mostra che voleva costruire la sua carriera alle sue condizioni, invece di prendere solo i 'soldi facili', per così dire.

[9] Signora Doubtfire (1993)

Con un costo di soli 25 milioni di dollari, questa commedia è diventata il secondo film di maggior incasso del 1993, dietro Jurassic Park , ma Signora Doubtfire i 219,1 milioni di dollari lordi erano molto più avanti di altri successi come Il fuggitivo , L'azienda e Insonne a Seattle . Dopo un divorzio amaro, e lasciato con poche opzioni per vedere i suoi figli regolarmente, Daniel Hilliard (Robin Williams) si trasforma nel personaggio del titolo. Per testare quanto fossero credibili il suo costume e il suo trucco, l'attore è andato in una libreria per adulti, in costume, per fare un acquisto, e non è stato riconosciuto. Robin Williams brilla davvero come entrambi i personaggi, interpretando perfettamente il padre vulnerabile Daniel e la sua non convenzionale tata alter-ego in un ruolo semplicemente indimenticabile. Più di 20 anni dopo questo classico successo nei cinema, noi segnalato questo aprile che Robin Williams sarebbe dovuto tornare per un sequel, anche se è dubbio che questo progetto possa andare avanti ora.

[10] Jumanji (Millenovecentonovantacinque)

Con diverse commedie e successi drammatici alle spalle a questo punto, Robin Williams ha intrapreso l'avventura familiare a grande budget Jumanji per dimostrare ulteriormente la sua versatilità come attore, attore protagonista e un successo al botteghino. Intrappolato in questo misterioso gioco da tavolo per 26 anni, Alan Parrish (Robin Williams) viene rilasciato da adulto, dove deve collaborare con i giovani che hanno liberato lui e il suo amico d'infanzia per salvare il mondo da indicibili pericoli che si trovano all'interno del gioco. La bellezza del lavoro di Robin Williams è che può farti credere che le situazioni più incredibili si stiano svolgendo proprio davanti ai tuoi occhi, che non è mai così presente come in Jumanji .

[11] La gabbia per uccelli (1996)

The Birdcage è di gran lunga una delle commedie più celebri della mia generazione e, a tempo debito, diventerà sicuramente una delle più grandi di tutti i tempi. Robin Williams interpreta il proprietario di un club di drag queen di Miami chiamato The Birdcage, che, insieme al suo compagno di casa (Nathan Lane) accetta di nascondere i suoi veri colori quando suo figlio (Dan Futterman) sta per sposare la figlia (Calista Flockhart) di un politico ultraconservatore (Gene Hackman). Con un all-star che include anche Dianne Wiest, Hank Azaria e Christine Baranski, The Birdcage è una commedia che sicuramente continuerà a resistere alla prova del tempo, anno dopo anno.

[12] Buona Volontà Caccia (1997)

Dopo tre nomination all'Oscar e nessuna vittoria, Robin Williams ha finalmente portato a casa l'omino d'oro per il suo straziante ruolo di Sean Maguire in Buona Volontà Caccia . Nonostante una sceneggiatura vincitrice dell'Oscar di Matt Damon e Ben Affleck, alcune delle migliori battute di questo dramma ambientato a Boston sono state improvvisate dal maestro stesso, come 'Figlio di puttana, mi ha rubato la battuta' e l'intera sequenza su Sean's 'moglie scoreggia'. Anche per coloro che potrebbero non essere fan del film, è difficile negare quanto siano veramente potenti le scene tra Matt Damon e Robin Williams nel classico del regista Gus Van Sant.

[13] Patch Adams (1998)

Ci sono volte in cui penso che Robin Williams possa aver inventato in qualche modo la commedia drammatica. Naturalmente, non l'ha fatto (anche se chiunque lo ha fatto è davvero indovinato da chiunque...) ma forse la ragione è che era così dannatamente bravo a capovolgere quel proverbiale passaggio dall'umorismo al dramma, che è mostrato perfettamente in Patch Adams. Questa è un'altra delle performance memorabili dell'attore che si basa su una persona reale, uno studente di medicina non convenzionale che si è fatto uscire da un manicomio mentre cerca di aiutare gli altri iscrivendosi alla scuola di medicina, sebbene i suoi metodi non convenzionali di utilizzo l'umorismo per aiutare a curare i pazienti è disapprovato. Riflettere sulla sua morte è particolarmente toccante quando si pensa ai personaggi ispiratori che ha dato vita al grande schermo, come Patch Adams.

[14] Insonnia (2002)

Se abbinato a Death to Smoochy e al prossimo film di questa lista, Foto di un'ora , il 2002 è stato di gran lunga l'anno più 'oscuro' della carriera di Robin Williams, e forse uno dei miei preferiti. Lascia che sia il visionario Christopher Nolan a ingaggiare un comico come Robin Williams nei panni di un autore solitario e disturbato che potrebbe aver ucciso un giovane adolescente in una remota cittadina dell'Alaska dove il sole sembra non tramontare mai. È una performance brillante, lunatica e inquietante che lo rende un ottimo triplo film con le sue altre uscite del 2002, incluso il prossimo film qui sotto.

[quindici] Foto di un'ora (2002)

Ero il critico cinematografico per il giornale del mio college quando guardavo Foto di un'ora , e la performance di Robin Williams mi ha sconvolto così tanto che questo è il tipo di film che avrei voluto che facesse da quel momento in poi. Anche se questo non è certamente uno dei suoi maggiori successi al botteghino (31,5 milioni da un budget di $ 12 milioni), Foto di un'ora mostra quanto spesso quest'uomo possa reinventarsi continuamente come interprete in qualsiasi genere scelga. Robin Williams interpreta Sy, un'operatrice solitaria di un centro fotografico ossessionato dai clienti che crede essere la famiglia perfetta (Connie Nielsen, Michael Vartan e Dylan Smith). Mentre il loro matrimonio inizia a sfaldarsi, il mondo fantastico di Sy si sgretola in modi orribili e brillanti, in una svolta che sono ancora scioccata dal fatto che non sia stato nominato per un Oscar. Se non hai visto Foto di un'ora , fatti un favore e cercalo.

[16] Il papà più grande del mondo (2009)

Durante il mio periodo di lavoro per il sito di Los Angeles, ho avuto modo di incontrare Robin Williams solo una volta, per intervistarlo e Bobcat Goldthwait per il loro commovente e meraviglioso film indipendente Il papà più grande del mondo ( CLICCA QUI per vedere la mia videointervista). Quando pensi alla trama di questo film, è ancora più straziante ora, data quella che si crede sia la causa della morte di questo grande attore. Robin Williams interpreta Lance Clayton, un insegnante di poesia del liceo il cui problematico figlio Kyle (il brillante Daryl Sabara) muore dopo un imbarazzante incidente di masturbazione. Lance scrive un commovente biglietto d'addio da parte di suo figlio, per risparmiare alla famiglia vergogna e ridicolo. Tuttavia, la nota diventa virale quando la vita tormentata dai sensi di colpa di questo padre in lutto inizia a perdere il controllo. Questa è un'altra fantastica prestazione di Robin Williams che purtroppo è passata sotto il radar, ma vale la pena dare un'occhiata.

Dai un'occhiata alla mia video intervista con Robin Williams e Bobcat Goldthwait per Il papà più grande del mondo sotto. Anche se mi sarebbe piaciuto intervistarlo molte altre volte nel corso degli anni, sono davvero grato di averlo incontrato solo una volta, per quell'intervallo di cinque minuti nel 2009.

Indipendentemente dal fatto che queste fossero le tue esibizioni preferite o meno preferite di Robin Williams, non c'è dubbio che il suo fascino e il suo innegabile talento mancheranno in tutto il mondo. Quali performance di Robin Williams aggiungeresti alla lista? Intervieni con i tuoi pensieri qui sotto.